Authy – una valida e superiore alternativa a Google Authenticator per l’autenticazione a due fattori (2FA)

CONDIVIDI ARTICOLO

Authy - una valida e superiore alternativa a Google Authenticator per l'autenticazione a due fattori 2FA

Authy – una valida e superiore alternativa a Google Authenticator per l’autenticazione a due fattori (2FA)

Ormai molti siti richiedono o consigliano vivamente l’autenticazione a due fattori (2FA) per effettuare l’accesso al proprio profilo online, non soltanto i siti delle banche, ma anche altri siti di servizi come PayPal. Oltre che essere obbligatorio, in alcuni casi è altamente consigliato attivare l’autenticazione a due fattori in quanto si riducono le probabilità di furto/violazione del proprio account online (Google, Amazon, Microsoft, Facebook…ecc) che porterebbe a moltissimi disagi in quanto ormai moltissimi servizi anche di pagamento sono strettamente collegati ai propri profili online.

Su Android ed in molti siti viene consigliato l’utilizzo di Google Authenticator, l’applicazione ufficiale di Google per la gestione dei propri profili con attiva l’autenticazione 2FA. Google Authenticator funziona sui cellulari e genera i codici di verifica in due passaggi per poter effettuare l’accesso ai propri profili.

 

Allora perché utilizzare Authy se esiste già Google Authenticator?

La comodità di Google Authenticator salta completamente nel momento in cui il telefono si rompe, si perde o viene rubato in quanto si va a perdere la possibilità di effettuare gli accessi ai propri profili, in quanto Google Authenticator non supporta il multi-device ed un ripristino dei codici per queste eventualità.
Le uniche possibilità offerte da Google Authenticator sono:
– esportare i propri profili su un altro telefono, ma il problema è che non è possibile farlo a posteriori, soltanto quando si ha ancora il “vecchio” telefono, quindi è un’operazione completamente inutile in caso di perdita, rottura o furto
– stamparsi o scriversi dei codici di sicurezza da poter utilizzare in caso di emergenze, ma non è una funzionalità immediata e sono comunque in numero limitato e facilmente perdibile

Ulteriori aspetti negativi di Google Authenticator

  • funziona soltanto su dispositivi mobili e non su PC, MAC o Linux
  • non ha un supporto multi-device per poter accedere da più dispositivi
  • non ha una funzionalità di backup crittati per il recupero dei propri codici di accesso

 

Perché scegliere Authy?

Le principali, e vincenti, caratteristiche di Authy sono:
– funziona su tutti i dispositivi: smartphone, tablet, PC, MAC, Linux, Apple Watch…
– supporta il multi-device e permette di avere i codici sincronizzati contemporaneamente su più dispositivi
– ha una funzionalità di backup crittato che permette in caso di furto o smarrimento del telefono di recuperare i codici
– ha più livelli di password per una maggiore sicurezza: password master, password per i backup
– permette di togliere le autorizzazioni di accesso da dispositivi persi, rubati o rotti

Authy risulta essere sicuramente superiore a Google Authenticator, salvo aggiornamenti futuri da parte di Google, specialmente in caso di necessità improvvise come appunto la rottura o la perdita del telefono.

 

Ho già configurato i miei profili con Google Authenticator, come faccio?

Se avete già configurato gli accessi ai vostri account con Google Authenticator nessun problema, è possibile modificare l’applicazione di riferimento in un secondo momento e spostare tutto su AUTHY. La modalità di modifica non è uguale per tutti e dipende dal singolo servizio, ma è sempre possibile.

Se avete trovato utile questo articolo condividetelo con i vostri contatti e sui social, ci sono sicuramente molte persone che non conoscono Authy ed in caso di perdita del telefono riscontrerebbero i problemi illustrati.

Nei commenti diteci se conoscete altre applicazioni alternative a Google Authenticator, se conoscevate già Authy o avete riscontrato i problemi citati.

 

Link ufficiale AUTHY: https://authy.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.